Il corteo storico di Ruggero II ad Isola delle Femmine per la festa di San Giuseppe (VIDEO)

Il corteo storico di Ruggero II ad Isola delle Femmine per la festa di San Giuseppe (VIDEO)

ruggero II1Il gruppo rievocativo “Croce Normanna di Ruggero II”, in collaborazione con BCsicilia – Isola delle Femmine, sarà presente ad Isola domenica 18 marzo per far conoscere alla cittadinanza il valore storico-culturale dell’evento nell’occasione dei festeggiamenti di San Giuseppe. La distribuzione dei Pani è una tradizione che affonda le radici nella mitologia greca con un preciso richiamo al culto di Demetra. Nel periodo di Ruggero II esisteva la “Dottrina dei Bianchi”: questi frati, i primi Domenicani, avevano il compito di riservare una degna sepoltura ai condannati a morte e distribuivano pani come nell’ultima cena della passione di Cristo; loro era anche la pratica devozionale dedicata a San Giuseppe Patriarca ed intercessore presso Dio per la Benedizione e l’assoluzione dei peccati per la “Buona Morte”. La commistione tra il sacro e la regalità di Ruggero viene spiegata con il gesto generoso del sovrano, nella distribuzione dei Pani di San Giuseppe tra i devoti lavoratori ed i più bisognosi. La celebrazione del 19 marzo risale invece al 1400 consistente nella preparazione dei pani chiamati “Cene di San Giuseppe” per ricordare l’ultima cena di Gesù con gli apostoli.

ruggero ii 2Il gruppo rievocativo “Croce Normanna di Ruggero II” è un gruppo di persone, capitanato dall’architetto Diego Leggio, esperto di conservazione e restauro dei beni architettonici e paesaggistici. Il proponimento storico culturale del gruppo si basa soprattutto sul racconto visivo di fatti reali o supposti, servendosi delle cronache e da rappresentazioni sceniche con l’ausilio di mezzi e costumi d’epoca arabo-normanna e con un cast di ricerca che ha come scopo lo studio degli usi e costumi del Medioevo Siciliano, nella fattispecie della vita e delle opere di Ruggero II d’Uteville. Il tema attualizzante della multietnicità è espresso fortemente dalla figura di Ruggero, che l’interprete Diego Leggio ama definire come il “primo ecumenista” (nell’accezione teologico-sociale) e come la prima istituzione parlamentare in Sicilia. Il gruppo trae il nome da un Cavalierato Normanno ed appartiene legalmente all’associazione BCsicilia – Isola delle Femmine che ha come membri la presidentessa Agata Sandrone (qui in veste di principessa, dama dello Scettro), ed il segretario Francesco Bologna (qui in veste di Cardinale Conti di Santa Sabina, emissario di Papa Anacleto II che incoronò Ruggero II nel Natale del 1130).

templariIl gruppo “Croce Normanna di Ruggero II” è, inoltre, coadiuvato anche da esperti e da Associazioni Culturali: come Antonio Manganiello di “Turismosicilia”, Daniela Sandovalli, istruttrice di equitazione (Piana degli Albanesi), il cavaliere Luciano Russo (Altavilla Milicia), come Mariano Lanza, docente di Lingue Straniere, musicista, scrittore, scenografo, studioso di storia medievale (autore del romanzo “Il Tesoro di Ruggero II”; come l’associazione “Templarius” che rappresenta i Cavalieri Templari a cavallo, capitanata da Pino De Luca del maneggio “Al Boschetto” di Partanna Mondello. Loro scopo rappresentativo è il pattugliamento delle coste palermitane per la salvaguardia del territorio e dalla lotta contro gli invasori. Ai cavalieri templari si affianca Bartolo Scalici (braccio destro di Pino De Luca), presidente dell’associazione “Sferracomunicando” (un’associazione che rivalorizza territorio, arti, storia e cultura tradizionale del Borgo Marinaro di Sferracavallo). Importante scopo di questo grande gruppo è quindi il confermato coinvolgimento delle associazioni in iniziative culturali riguardanti i siti di rilevanza artistica tramite appuntamento dedicato al turista per la rappresentazione scenica di eventi storici quali il Castello della Zisa, la Cuba, il Castello dello Scibene, il Castello di Maredolce, San Giovanni dei Lebbrosi, San Giovanni degli Eremiti e dei siti patrimonio dell’UNESCO come il Castello di Caccamo, il Duomo di Cefalù, il sito medievale di Petralia Sottana e altri, gemellandosi con altre realtà presenti in Sicilia.

Scopo ultimo è quello di organizzare, per questo anno della cultura palermitana, una grande festa a fine anno, con la creazione di un villaggio medievale, che vedrà coinvolti artigiani, commercianti, artisti, ristoratori e tutti coloro che vorranno aderire al progetto, con esclusivi spettacolari appuntamenti per il turista. Farà da corona al progetto un corteo che dal Foro Umberto I in Palermo, salirà lungo il Cassaro (corso Vittorio Emanuele) per arrivare in piazza Cattedrale, dove si inscenerà l’incoronazione di Re Ruggero II e della Reggina consorte Elvira di Castiglia e Leon.

Il voto dei nostri lettori
[Voti: 1    Media Voto: 5/5]

Commenti

Eliseo Davì
Seguimi su:

Eliseo Davì

Ho scritto un romanzo storico, "Societas", edito da BookSprint Edizioni. Sono Direttore del blog di informazione online "Il giornale di Isola", ho collaborato con "L'ora", con il giornale online "MasterLex" e tutt'ora collaboro con "IoStudioNews", Tv7 Partinico e con Tgs. E nel frattempo studio, frequentando la facoltà di Giurisprudenza di Palermo.
Eliseo Davì
Seguimi su:
Share