• Home »
  • Politica »
  • Dal giardino della memoria di Isola delle Femmine parte il tour elettorale di Matteo Richetti (Pd) | VIDEO
Dal giardino della memoria di Isola delle Femmine parte il tour elettorale di Matteo Richetti (Pd) | VIDEO

Dal giardino della memoria di Isola delle Femmine parte il tour elettorale di Matteo Richetti (Pd) | VIDEO

È dal giardino della memoria “Quarto Savona Quindici” di Isola delle Femmine, teatro dell’attentato che il 23 maggio 1992 uccise il giudice Giovanni Falcone, la moglie e la scorta, che è partito il tour elettorale in Sicilia di Matteo Richetti, senatore e candidato alla segreteria del Partito Democratico, per un primo incontro informale con comitati e simpatizzanti. Ad accoglierlo nel giardino, inaugurato neanche due anni fa, è stato il sindaco di Isola delle Femmine, Stefano Bologna, il segretario Pd di Capaci, Salvatore Roccalumera, il segretario Pd di Isola, Silvio Piombino, e Antonio Ferrante, componente dell’assemblea nazionale Pd e tra i promotori in Sicilia della mozione congressuale a sostegno di Richetti.

P_20181101_114335Quando si viene a Palermo, meglio di ogni retorica sulla legalità, è necessario venire fisicamente al Giardino della Memoria di Capaci e toccare con mano fin dove la ferocia della mafia si è spinta. Con l’impegno di non arretrare mai”, ha dichiarato Matteo Richetti, “e l’auspicio che legalità e contrasto alla criminalità siano terreno che unisce e non divide la politica. Per non dimenticare, mai. L’impegno si testimonia anche con la presenza fisica. Siamo in una fase delicatissima”, ha continuato il senatore, “in discussione alla Camera e al Senato c’è un decreto che consente di dare ai privati i beni confiscati. Rivolgo da qui un appello costruttivo al ministro Salvini: venga in questi luoghi e capisca l’importanza di ridare alla collettività ciò che è stato indebitamente sottratto dalla criminalità. Ridare ai privati i beni significa consentire a un prestanome, come potenziale effetto, di far tornare alla criminalità ciò che è stato tolto. Sono anche giorni di condono. Non può funzionare un Paese dove chi non ha rispetto delle regole è considerato più e meglio di chi le ha rispettate“.

richetti arancinaDopo il giardino della memoria, il senatore Pd si è recato a Palermo per incontrare rappresentanti di tante comunità, artigiani, professionisti, simpatizzanti ed elettori al ‘Palermo Youth Center‘, centro giovanile autofinanziato all’interno di villa Trabia. “Sono tutti incontri aperti, senza cattedre o microfoni, veri momenti di ascolto e condivisione con i tanti che, in questi anni, non hanno avuto voce e che oggi, finalmente, hanno l’occasione di essere protagonisti in un Pd davvero loro e mai più ostaggio di correnti e fazioni”, spiega Antonio Ferrante, “la presenza di Matteo sarà anche l’occasione per confrontarci sulle prossime scadenze congressuali, alla luce dell’esito poco confortante dell’ultima direzione nonché dei movimenti successivi dai quali sembra prospettarsi l’ennesima guerra tra clan che di fatto eleggerebbe un liquidatore fallimentare e non, come da noi prospettato, un momento di rilancio vero che metta al centro la proposta politica e figure in grado di rappresentare un vero cambiamento. Auspichiamo che sia questo l’obiettivo comune, in caso contrario sapremo dare il nostro contribuito, #diversamente come sempre“.

Il voto dei nostri lettori
[Voti: 2    Media Voto: 5/5]

Commenti

Eliseo Davì
Seguimi su:

Eliseo Davì

Ho scritto un romanzo storico, "Societas", edito da BookSprint Edizioni. Sono Direttore del blog di informazione online "Il giornale di Isola", ho collaborato con "L'ora", con il giornale online "MasterLex" e tutt'ora collaboro con "IoStudioNews", Tv7 Partinico e con Tgs. E nel frattempo studio, frequentando la facoltà di Giurisprudenza di Palermo.
Eliseo Davì
Seguimi su:
Share