ITALCEMENTI: è sicura? Lo abbiamo chiesto a loro

ITALCEMENTI: è sicura? Lo abbiamo chiesto a loro

Sono anni che se ne discute: l’Italcementi è sicura, si o no? Le emissioni a cui tutti assistiamo da tempo ci devono preoccupare, inquinano, rispettano i parametri di legge? L’azienda presente ad Isola delle Femmine dal dopoguerra, che ha dato lavoro a molti isolani, è pericolosa? Sono interrogativi a cui si deve assolutamente dare una risposta.

Stiamo ai fatti: nel 2008 l’Italcementi ottiene l’autorizzazione integrata ambientale valida per 6 anni che, fra le altre prescrizioni, prevede l’obbligo di installare almeno due centraline, una a Isola e l’altra a Capaci, per il monitoraggio della qualità dell’aria, in modo che sia assicurato il diritto alla salute della cittadinanza. A Isola la centralina è stata recentissimamente istallata, a Capaci ancora no; ed è stato appunto questo che ha spinto la parlamentare M5S Claudia Mannino insieme ad altri deputati ad inviare un esposto alla magistratura; inoltre il caso è arrivato alla Commissione Europea, che nel dicembre 2014 ha aperto una procedura di indagine e ha chiesto alla Regione Siciliana di garantire immediatamente il rispetto della normativa europea.

Sulla questione delle centraline abbiamo deciso di chiedere direttamente all’Italcementi, per conoscere la loro versione. Abbiamo sentito l’ing. Ignazio La Barbera, Direttore Italcementi di Isola delle Femmine, a cui abbiamo posto la seguente domanda:

Quale obbligo di legge prevede l’istallazione delle centraline e perché ancora non sono state attivate?

Ecco la risposta:

L’installazione delle centraline per il monitoraggio della qualità dell’aria risponde ad una prescrizione dell’Autorizzazione Integrata Ambientale della cementeria di Isola delle Femmine e per la sua attuazione ha necessitato del coinvolgimento e coordinamento degli Enti competenti con esecuzione di studi ed indagini approfondite.

A Isola delle Femmine la cabina di monitoraggio installata presso la scuola media “F. Riso” è stata collaudata ed è operativa dal 25 marzo: si stanno dunque già acquisendo i dati meteo e i parametri di qualità dell’aria. Dopo le festività pasquali si definirà con la Struttura Territoriale di Palermo di Arpa Sicilia, un protocollo operativo per la gestione della centralina.

Per quanto riguarda il Comune di Capaci, la stazione sarà installata non appena ottenuta da parte del Comune la disponibilità del sito già individuato e l’autorizzazione edilizia. Italcementi garantirà in brevissimo tempo il posizionamento della centralina”.

Prossimamente approfondiremo il tema, continuando ad interloquire con l’azienda.

Di Eliseo Davì e Pino D’Angelo

centralina

Centralina di Isola delle Femmine presso la Scuola Media Statale

Il voto dei nostri lettori
[Voti: 13    Media Voto: 4.5/5]

Commenti

Eliseo Davì
Seguimi su:

Eliseo Davì

Ha conseguito la laurea magistrale in Giurisprudenza con lode presso l'Università degli Studi di Palermo. Ha scritto un romanzo storico, "Societas", edito da BookSprint Edizioni. Scrive sul blog di informazione online "Il giornale di Isola", ha collaborato con "L'ora", con il giornale online "MasterLex", con "IoStudioNews", Tv7 Partinico e Tgs.
Eliseo Davì
Seguimi su:
Share