#Iodifferenzio e voglio lo sconto sulla Tari

#Iodifferenzio e voglio lo sconto sulla Tari

Isola è tornata ad essere un paese pulito, grazie all’attivazione della raccolta differenziata che, fino ad ora, ha coinvolto soprattutto le attività commerciali. È stato raggiunto il 9% di differenziata in appena un mese, ma non basta: possiamo e dobbiamo fare di più! È arrivato il momento di coinvolgere tutta la cittadinanza di Isola delle Femmine! Siamo in vista della stagione estiva e dobbiamo accogliere i turisti in un paese in cui non c’è neanche una cartaccia per terra e in cui i cassonetti sono perennemente vuoti, perché quello che “Repubblica” ha chiamato il ‘miracolo di Isola’, si concretizzi e permanga negli anni.

È per questo che “Il giornale di Isola”, insieme a Liberacqua Onlus e al Comitato civico “Isola delle Femmine bene comune”, ha deciso di lanciare la campagna:

Io differenzio e voglio lo sconto sulla Tari

Già, adesso che il servizio funziona non ci sono più scuse, tutti i cittadini hanno il dovere di pagare le tasse, ma coloro che fanno la raccolta differenziata con conferimento diretto all’Isola Ecologica hanno diritto ad ottenere uno sconto sulla Tari (la tassa sui rifiuti), come avviene in molti comuni, ad esempio ad Alcamo (vedi qui).

Chiediamo a gran voce la possibilità di poter usufruire anche noi di questa agevolazione. Se siete interessati all’iniziativa, diffondete questo articolo accompagnato dall’hastag #iodifferenzio. Nei prossimi giorni riceverete maggiori informazioni al riguardo.

Eliseo Davì e Pino D’Angelo

(foto copertina di Umberto Santoro)

Il voto dei nostri lettori
[Voti: 12    Media Voto: 4.5/5]

Commenti

Eliseo Davì
Seguimi su:

Eliseo Davì

Ho scritto un romanzo storico, "Societas", edito da BookSprint Edizioni. Sono Direttore del blog di informazione online "Il giornale di Isola", ho collaborato con "L'ora", con il giornale online "MasterLex" e tutt'ora collaboro con "IoStudioNews", Tv7 Partinico e con Tgs. E nel frattempo studio, frequentando la facoltà di Giurisprudenza di Palermo.
Eliseo Davì
Seguimi su:
Share