SiciliAntica, nasce ad Isola delle Femmine una nuova associazione culturale

SiciliAntica, nasce ad Isola delle Femmine una nuova associazione culturale

A Isola delle Femmine nasce una nuova realtà culturale. Pochi giorni fa si è infatti tenuta l’assemblea degli iscritti di SiciliAntica della nuova sede locale di Isola delle Femmine. SiciliAntica è un’associazione culturale di volontariato, dal carattere regionale, che da diversi anni opera nel territorio siciliano con numerose sedi dislocate in tutta l’Isola, e si occupa della tutela, della valorizzazione e della salvaguardia del patrimonio culturale.

agataPresidente del gruppo di Isola delle Femmine è stata eletta all’unanimità Agata Sandrone, mentre segretario sarà Simone Aiello ed economo Gabriele Billeci. All’incontro era presente Alfonso Lo Cascio, della Presidenza Regionale di SiciliAntica. Abbiamo già imparato a conoscere Agata Sandrone, che a Isola ha organizzato varie venti, come la mostra dei mestieri antichi o la commemorazione delle vittime del mare. Tra gli obiettivi della nuova sede locale di SiciliAntica vi è lo studio del relitto del Loreto, il piroscafo che il 13 Ottobre 1942, mentre viaggiava sotto costa cercando di raggiungere Palermo, venne silurata all’altezza di Isola delle Femmine dal sommergibile britannico Unruffled con circa 400 prigionieri indiani a bordo: molti naufraghi furono salvati grazie all’intervento dei pescatori della zona. Inoltre il recupero delle Lancitedde, le piccole imbarcazioni costituite da legni di diversa natura in una sapiente sintesi di stile, eleganza e compattezza, che si fondono nel paesaggio costiero della borgata e impreziosiscono il litorale costiero con gli sgargianti colori che ogni proprietario fantasiosamente suole attribuirle.

Altro obiettivo dell’associazione è quello di valorizzazione e recupero la torre costiera che domina l’isolotto, la cosiddetta torre di fuori, che risale al XVI secolo ed è costruita in prossimità del punto più alto dell’isola. Ha pianta quadrata, con spessori murari di oltre due metri che la rendevano una fortezza inserita nel sistema difensivo contro gli attacchi dei pirati alla terraferma. L’incuria del tempo ed il disinteresse hanno oggi trasformato la torre in un rudere, come questo giornale ha più volte denunciato.

Vota l'articolo

Commenti

Eliseo Davì
Seguimi su:

Eliseo Davì

Ha conseguito la laurea magistrale in Giurisprudenza con lode presso l'Università degli Studi di Palermo. Ha scritto un romanzo storico, "Societas", edito da BookSprint Edizioni. Scrive sul blog di informazione online "Il giornale di Isola", ha collaborato con "L'ora", con il giornale online "MasterLex", con "IoStudioNews", Tv7 Partinico e Tgs.
Eliseo Davì
Seguimi su:
Share