La Sicilia è in fiamme: roghi anche a Isola delle Femmine e dintorni

La Sicilia è in fiamme: roghi anche a Isola delle Femmine e dintorni

Il forte vento di scirocco e gli incendi, in gran parte di matrice dolosa, continuano a tenere in ginocchio Palermo e la provincia. Decine di roghi stanno devastando diversi centri del territorio, a partire dal capoluogo. Roghi sono divampati anche ad Isola delle Femmine, nell’area sovrastante le due gallerie. Il fuoco, dopo aver bruciato la vegetazione, è giunto fino a lambire via delle Industrie, dove ancora stanno bruciando delle sterpaglie e dove, ad ogni sferzata di scirocco, si attizzano nuovi focolai. Roghi anche nella riserva naturale di Capo Gallo a Barcarello, dove il fuoco si sta pericolosamente avvicinando alle abitazioni.

La riserva di Capo Gallo

La riserva di Capo Gallo

Incendi sono scoppiati anche nei Comuni limitrofi. Per alcune ore l’autostrada A29 Palermo-Mazara del Vallo è rimasta chiusa al traffico a causa di un incendio divampato tra Carini e Cinisi. A Cinisi, in contrada Bosco Tagliata è stato necessario evacuare a scopo precauzionale alcune abitazioni; fiamme anche a Partinico, dove diverse squadre dei vigili del fuoco sono impegnate a domare un vasto fronte di fuoco in contrada San Cataldo. A Terrasini un incendio è scoppiato in contrada Chiusa. Fiamme anche ad Altavilla Milicia, a Santa Flavia e a Casteldaccia, dove sono state sgomberate alcuni case. In tutto sono più di 500 gli interventi effettuati dai vigili del fuoco nelle ultime 36 ore, ma la situazione è ancora critica.

(video di Billeci Springsteen Giovanni)

Il voto dei nostri lettori
[Voti: 8    Media Voto: 4/5]

Commenti

Eliseo Davì
Seguimi su:

Eliseo Davì

Ho scritto un romanzo storico, "Societas", edito da BookSprint Edizioni. Sono Direttore del blog di informazione online "Il giornale di Isola", ho collaborato con "L'ora", con il giornale online "MasterLex" e tutt'ora collaboro con "IoStudioNews", Tv7 Partinico e con Tgs. E nel frattempo studio, frequentando la facoltà di Giurisprudenza di Palermo.
Eliseo Davì
Seguimi su:
Share