Isola delle Femmine, multa fino a 500 euro a chi non raccoglie gli escrementi del proprio cane

Isola delle Femmine, multa fino a 500 euro a chi non raccoglie gli escrementi del proprio cane

Multe fino a 500 euro ai padroni che non raccolgono gli escrementi del proprio cane. A stabilirlo è un’ordinanza firmata ieri dal sindaco Stefano Bologna nell’intento di dare una risposta alle numerose lamentele dei cittadini. “La situazione igienica è insostenibile ed effettivamente esiste un disagio dei cittadini determinato dalla noncuranza con la quale sovente le deiezioni dei cani vengono lasciate sul suolo”, si legge nell’ordinanza.

caneNel tentativo di tutelare il decoro e l’igiene pubblica, nonché la pubblica incolumità, il sindaco ha ordinato che ogni persona che conduce cani presso aree pubbliche è tenuto ad evitare che questi insudicino il suolo. “In ogni caso deve avere cura che ciò avvenga in modo che non ne derivi disagio per i cittadini e pericolo per la loro salute”, precisa l’ordinanza, pertanto il padrone dovrà provvedere immediatamente alla pulizia e all’asportazione degli escrementi dell’animale. A tal fine il padrone dovrà portare con se quanto necessario per la pulizia. L’obbligo non si applica per i cani guida che accompagnano persone non vedenti addestrati presso le scuole nazionali.

Ma non è finita qui. L’ordinanza stabilisce che ogni proprietario di cani deve iscrivere il proprio animale all’anagrafe canina istituita presso i Servizi Veterinari dell’azienda Asp di Palermo entro i primi tre mesi di vita o entro trenta giorni dal ritrovamento, se randagio. Entro 90 giorni dall’iscrizione i cani devono essere muniti di idoneo sistema di identificazione riconosciuto dalla Regione Sicilia (microchip), al fine di poter risalire al legittimo proprietario. Inoltre il proprietario deve denunciare al settore veterinario competente l’eventuale cessione, scomparsa o morte dell’animale entro quindici giorni. Infine l’ordinanza dispone che chi alimenta cani o gatti vaganti provveda a rimuovere le ciotole vuote e i resti di cibo a terra, per evitare problemi di natura igienico-sanitaria. L’ordinanza elenca poi una serie di minuziose prescrizioni che i proprietari e i detentori di cani devono rispettare nei luoghi pubblici:

regole cani

Per i trasgressori è prevista una sanzione amministrativa fra i 25 e i 500 euro. A vigilare sull’osservanza di queste regole sarà il comando della Polizia Municipale. Nei prossimi giorni verranno collocati nel territorio comunale appositi “dog toilet”, sistemi per lo smaltimento degli escrementi canini forniti da Agesp, la società che gestisce il servizio dei rifiuti.

Il voto dei nostri lettori
[Voti: 6    Media Voto: 4.3/5]

dog toilet

Commenti

Eliseo Davì
Seguimi su:

Eliseo Davì

Ho scritto un romanzo storico, "Societas", edito da BookSprint Edizioni. Sono Direttore del blog di informazione online "Il giornale di Isola" e collaboro con "L'ora". E nel frattempo studio, frequentando la facoltà di Giurisprudenza di Palermo.
Eliseo Davì
Seguimi su:
Share