Rimossa la boa spiaggiata sulla costa della riserva naturale di Isola delle Femmine

Rimossa la boa spiaggiata sulla costa della riserva naturale di Isola delle Femmine

Sono stati completati i lavori di rimozione della boa spiaggiata sulla costa sud dell’Isola delle Femmine, la riserva naturale orientata gestita dalla LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli). Alle operazioni, che si sono svolte venerdì 29 settembre, hanno partecipato l’architetto Costanzo, funzionario dell’Amp, e operatori della cooperativa Atlantis, insieme al direttore della riserva, Vincenzo Di Dio. Lunedì scorso è stata rimossa anche un’altra boa di segnalazione, arenatasi anni fa sulla scogliera prospiciente via Palermo (clicca qui).

boa 1Con vera soddisfazione possiamo annunciare che finalmente la boa di segnalazione della zona A dell’area marina protetta Capo Gallo – Isola delle Femmine, che le mareggiate avevano scaraventato alcuni anni fa sulla costa della riserva naturale orientata di Isola delle Femmine, è stata totalmente rimossa”, ha dichiarato Vincenzo Di Dio, “le operazioni sono state effettuate dalla Atlantis, una ditta specializzata in lavori marini, e si sono svolte con le maggiori garanzie possibili sia per l’incolumità del personale addetto che per la tutela dell’ambiente. La boa sugli scogli dell’isola aveva un pessimo impatto paesaggistico”, continua il direttore della riserva, “e rischiava realmente di essere fonte di danno all’ambiente: basti pensare alle componenti in plastica lasciate a degradarsi in zona A di un’area protetta. Da oggi tutto ciò è stato risolto e la costa dell’Isola delle Femmine è ritornata al suo incantevole paesaggio naturale”.

boa3

(foto di Vincenzo di Dio)

Il voto dei nostri lettori
[Voti: 5    Media Voto: 5/5]

Commenti

Eliseo Davì
Seguimi su:

Eliseo Davì

Ho scritto un romanzo storico, "Societas", edito da BookSprint Edizioni. Sono Direttore del blog di informazione online "Il giornale di Isola" e collaboro con "L'ora". E nel frattempo studio, frequentando la facoltà di Giurisprudenza di Palermo.
Eliseo Davì
Seguimi su:
Share