Bonus per i Comuni che differenziano. Isola, appello del Comune ai cittadini: “Dobbiamo fare di più”

Bonus per i Comuni che differenziano. Isola, appello del Comune ai cittadini: “Dobbiamo fare di più”

gdsBuona notizia per i Comuni siciliani. In futuro i loro bilanci potranno contare su nuove somme di denaro derivanti dalle tasse pagate per i rifiuti sottratti alla raccolta differenziata e conferiti in discarica, quella che è stata chiamata ecotassa. Lo prevede un emendamento del Movimento 5 stelle, passato in commissione Bilancio. “Se l’emendamento dovesse passare pure in aula”, ha dichiarato l’estensore, Giampiero Trizzino, “sarebbe una grande conquista per i Comuni, alle prese con una crisi economica spaventosa. Non solo, l’emendamento potrebbe fungere da volano alla raccolta differenziata”. Infatti la tariffa per conferire i rifiuti in discarica non sarà più unica, ma l’ecotassa costerà meno ai Comuni che fanno più raccolta differenziata  (5,17 euro per chi supera il 65% di raccolta differenziata), mentre quelli con percentuali basse sborseranno di più. Inoltre metà del gettito, grazie all’emendamento dei 5 stelle, andrà direttamente ai Comuni più virtuosi. È stato invece bocciato l’emendamento del M5S, che istituiva la tariffa puntuale sui rifiuti, cioè prevedeva il pagamento da parte dei cittadini di somme calcolate sulla quantità di rifiuti effettivamente prodotta. Ed è stato bocciato anche il “no” dei pentastellati agli inceneritori.

Tornando all’ecobonus, questa è per il Comune di Isola delle Femmine, pioniere nel campo della differenziata, un’opportunità da non lasciarsi scappare. Le casse comunali soffrono, la Corte dei Conti punta il dito contro i debiti e i buchi di bilancio e l’evasione continua ad essere imperante. Pertanto non si è fatto attendere un comunicato del Comune di Isola delle Femmine che, dopo aver ribadito i risultati eccellenti della differenziata, fa appello ai cittadini: “Questo è senza dubbio un buon risultato, che ci fa ben sperare, anche di poter usufruire di un eco-tassa agevolata. Tuttavia ciò non basta, si può e si deve fare di più, serve la collaborazione e la responsabilità di tutti”, si legge nel comunicato.

Sono ancora in troppi a pensare che la raccolta differenziata sia soltanto un fastidio, un impegno in più per la famiglia o per l’attività commerciale”, continua la nota, “ma non è così: è solo questione organizzarsi e di abituarsi; la raccolta dell’umido è ogni giorno, dunque non c’è il problema conservare rifiuti maleodoranti, tolti materiali riciclabili come vetro, plastica, carta, lattine, resta davvero poco da gettare. Cerchiamo di collaborare tutti con senso di responsabilità, nella consapevolezza che chi più differenzia, meno paga, soprattutto da oggi con la nuova eco-tassa”.

di Eliseo Davì

Il voto dei nostri lettori
[Voti: 5    Media Voto: 5/5]

Commenti

Eliseo Davì
Seguimi su:

Eliseo Davì

Ha conseguito la laurea magistrale in Giurisprudenza con lode presso l'Università degli Studi di Palermo. Ha scritto un romanzo storico, "Societas", edito da BookSprint Edizioni. Scrive sul blog di informazione online "Il giornale di Isola", ha collaborato con "L'ora", con il giornale online "MasterLex", con "IoStudioNews", Tv7 Partinico e Tgs.
Eliseo Davì
Seguimi su:
Share