• Home »
  • Editoriali »
  • Strisce blu, mercato del contadino e pedonalizzazione: le nostre proposte all’amministrazione
Strisce blu, mercato del contadino e pedonalizzazione: le nostre proposte all’amministrazione

Strisce blu, mercato del contadino e pedonalizzazione: le nostre proposte all’amministrazione

Qualche settimana fa vi abbiamo proposto un sondaggio per consentire a tutti i cittadini di Isola delle Femmine di esprimersi su alcuni provvedimenti adottati nei mesi scorsi dall’amministrazione comunale. Sebbene si tratti di un campione solo rappresentativo della cittadinanza, i risultati del sondaggio hanno rilevato come tutto sommato tali provvedimenti siano stati apprezzati, anche se si segnalano alcune criticità che vanno corrette. Per questo la nostra Onlus “Rifiuti e Spreco Zero – giornaleisola.it” ha approfittato dalla possibilità di avanzare proposte, istanze e suggerimenti su come spendere le somme regionali trasferite ai comuni per la democrazia partecipata per formulare la nostra proposta, denominata “Promo Isola”.

1) Mercato del contadino in tour
mercato-contadinoDai risultati del sondaggio e dai numerosi commenti che lo hanno accompagnato, emerge come i cittadini apprezzassero il “mercato del contadino”, che è stato abolito senza alcun preavviso alcune settimane fa. Al contempo vanno tutelate le esigenze degli imprenditori, che temono che il mercato possa danneggiato il commercio locale. Noi abbiamo pensato ad un appuntamento settimanale in diverse piazze del paese – compresa piazza Umberto I – calendarizzato per tutto l’anno, riservando alcuni posti alle attività commerciali locali, che a turno potranno esporre i propri prodotti.

pista-ciclabile

Pista ciclabile

2) Strisce blu: modello “San Vito Lo Capo” tutto l’anno
Nonostante le numerose polemiche che hanno accompagnato l’introduzione dei parcheggi a pagamento, il 63% dei votanti al sondaggio ritiene che le strisce blu vadano mantenute, ma con modalità che tutelino i residenti. Noi pensiamo che la cosa migliore che questa amministrazione possa fare è imitare modelli vincenti come quello di San Vito Lo Capo: il territorio comunale dovrebbe essere suddiviso in zone gialle riservate ai soli residenti e in zone blu a pagamento. Inoltre riteniamo che vada introdotto il divieto assoluto di parcheggio in tutta l’area portuale, scali di alaggio compressi. Dovrebbero essere individuate aree di parcheggio e introdotto un bus navetta (possibilmente gratuito) per tutto il periodo estivo che colleghi il centro con le spiagge. Infine chiediamo una pista ciclabile che parta da via Palermo, continui per via Lungomare Eufemio, via dei Villini, via Vespucci, viale Marino fino al lungomare dei Saraceni. Ricordiamo che la pista ciclabile e, in generale, le iniziative per migliorare la sostenibilità ambientale sono un requisito per ottenere la Bandiera Blu.

Modello San Vito

Modello San Vito

3) Pedonalizzazione di piazza Umberto I
La pedonalizzazione della piazza va certamente mantenuta, ma vanno organizzati più eventi per animarla. Proponiamo il programmaPiazza Viva”, un calendario dettagliato di tutte le iniziative in collaborazione con le attività commerciali della zona tra via Giardini e lungomare Eufemio.

E voi, cosa ne pensate? Inviateci le vostre proposte all’indirizzo giornaleisola@gmail.com

Il voto dei nostri lettori
[Voti: 12    Media Voto: 4.2/5]

Commenti

Eliseo Davì
Seguimi su:

Eliseo Davì

Ho scritto un romanzo storico, "Societas", edito da BookSprint Edizioni. Sono Direttore del blog di informazione online "Il giornale di Isola" e collaboro con "L'ora". E nel frattempo studio, frequentando la facoltà di Giurisprudenza di Palermo.
Eliseo Davì
Seguimi su:
Share