• Home »
  • »
  • Conferita la cittadinanza onoraria a Teresa Nicoletti, la compositrice dell’inno di Isola delle Femmine
Conferita la cittadinanza onoraria a Teresa Nicoletti, la compositrice dell’inno di Isola delle Femmine

Conferita la cittadinanza onoraria a Teresa Nicoletti, la compositrice dell’inno di Isola delle Femmine

La sera di giovedì 24 maggio, presso l’Hotel Saracen, nell’ambito degli eventi dell’Immigrant’s Celebration 2018, ha avuto luogo il “Teresa Nicoletti Gala Concert”, uno degli eventi clou della manifestazione per i festeggiamenti del 26° anniversario del gemellaggio tra i Comuni di Isola delle Femmine e Pittsburg (California).

Dopo l’esecuzione dell’Inno Nazionale della Repubblica Italiana e dell’Inno Nazionale degli Stati Uniti d’America, la compositrice e mezzosoprano di fama mondiale Teresa Nicoletti ha eseguito l’Inno Ufficiale del Comune di Isola delle Femmine, la cui musica originale è stata da lei composta ed eseguito in prima assoluta lo scorso 1 settembre, nella biblioteca comunale “Pino Fortini”. A seguire i classici “Nel blu dipinto di blu”, “O sole mio!” e “My way”. Teresa Nicoletti si è esibita accompagnata al pianoforte dal maestro Vito Mandina ed alla tromba dal Maestro Roberto Crivello.

Al termine del Gala Lirico, il sindaco Stefano Bologna ha insignito la mezzosoprano Teresa Nicoletti della cittadinanza onoraria e le ha consegnato le chiavi della città, con la seguente motivazione: “L’alta onorificenza è stata conferita per avere composto la musica dell’Inno Ufficiale del Comune di Isola delle Femmine”.

(foto copertina di Igor Petyx)

Il voto dei nostri lettori
[Voti: 2    Media Voto: 4/5]

Commenti

Eliseo Davì
Seguimi su:

Eliseo Davì

Ho scritto un romanzo storico, "Societas", edito da BookSprint Edizioni. Sono Direttore del blog di informazione online "Il giornale di Isola", ho collaborato con "L'ora", con il giornale online "MasterLex" e tutt'ora collaboro con "IoStudioNews", Tv7 Partinico e con Tgs. E nel frattempo studio, frequentando la facoltà di Giurisprudenza di Palermo.
Eliseo Davì
Seguimi su:
Share